CHIčBOB

IL MARE SUL MARE
Il nuovo acquario di Oslo

Dopo la deriva da National Geographic sulle dolci scoperte islandesi, torno sui miei binari e ricomincio a scrivere di architettura, senza tuttavia allontanarmi troppo dal fresco Nord. Oggi infatti andiamo a scoprire un progetto recentemente presentato, il nuovo acquario di Oslo, progettato dallo studio londinese Haptic Architects.

L’acquario sorgerą sul sito del vecchio aeroporto di Bęrum, nelle periferie della capitale norvegese, e sarą parte di un masterplan ben pił esteso, chiamato a ridisegnare l’intera periferia popolandola di nuovi servizi e nuove attivitą come spiagge, surf club, negozi e attrazioni di ogni genere (progettato dallo studio RODEO ARKITEKTER AS. Simpatica la pagina contatti del loro sito! www.rodeo-arkitekter.no/contact). La costruzione dell’acquario č prevista a partire dal 2020, per concludersi nel 2023 insieme a parte degli edifici che compongono il masterplan.

Organizzato in due corpi principali, l’acquario si caratterizza per le forme sinuose che conferiscono un aspetto scultoreo e allo stesso tempo dinamico, come fossero due grandi rocce dolcemente levigate dal mare.  La copertura č totalmente praticabile, offrendo ai visitatori un percorso continuo all’esterno, mentre le grandi vetrate svelano gli spazi interni, dove si distribuiscono le vasche dei pesci per un totale di 7 milioni di litri d’acqua, che regaleranno il primato di acquario pił grande dell’Europa Settentrionale. Dall’interno, le vetrate a filo d'acqua, portano i visitatori a stretto contatto con il mare, elemento identificativo per tutta l'area.

Ora una piccola riflessione personale.
Il progetto mi sembra molto interessante e, a prima vista, mi ha ricordato un altro bellissimo edificio della capitale norvegese, la Opera House. Certo, parliamo di due edifici dalle caratteristiche ben diverse, ma il trattamento della copertura, le grandi vetrate e il rapporto diretto con il mare, mi hanno fatto trovare nell’Acquario di Haptic Studio diverse citazioni alla ben nota Opera House, progettata da Studio Snųhetta ed inaugurata nel 2008.